Mostra documentaria all’Accademia dell’Arte Sanitaria
 
di Vittorio Esposito
 
 


La Settimana della Cultura, indetta come ogni anno dal Ministero per I Beni e le Attività Culturali, è stata l'occasione per L’Accademia dell’Arte Sanitaria (ASAS)per far conoscere, con la Mostra documentaria “Manoscritti Libri e Strumenti”, la Biblioteca dell’Accademia e il Museo Storico Nazionale dell’Arte Sanitaria cui è annessa. Sistemato nella Sala Alessandrina e in altre sale adiacenti l’Arciospedale di Santo Spirito in Sassia a Roma (Lungotevere in Sassia,3), il Museo conserva, tra le collezioni iniziate verso la metà del sec. XVIII, lo “Studio ostetrico” in cera, al naturale, diviso in 36 preparazioni, dello scultore anatomico G.B. Manfredini (sec. XVIII), il tavolo anatomico dove fu deposto il corpo di Goffredo Mameli, la più antica carrozza per feriti della Croce Rossa (1863), strumenti di chirurgia, per oculistica e ostetricia, oggetti per pratiche superstiziose per guarigioni e prevenzioni di malattie, strumenti chirurgici romani e arabi e dei secoli XVI-XIX, le ricostruzioni di una farmacia e di un laboratorio alchemico del XVI secolo. Nella Biblioteca sono conservate opere relative alla Storia dell’Arte Sanitaria, disciplina coltivata dall’Accademia dell’Arte Sanitaria che qui ha sede: importanti manoscritti, testi di medicina dal sec. XVI al XIX, alcuni riccamente illustrati, e una grande quantità di pubblicazioni scientifiche che vanno dalla metà dell’800 alla metà del ‘900, un arco importantissimo per la storia delle scienze biomediche.

 

 

La mostra, che resta aperta fino al 30 aprile (oraio 9-13), è stata inaugurata con un Convegno aperto dal Presidente ASAS,  Prof. Gianni Iacovelli  di Massafra (Ta), docente di Storia della Medicina, che ha ringraziato  il Prof. Vigliani, i  numerosi Accademici presenti, il Dott. Mario Papi, che ha contribuito all’allestimento con alcuni antichi strumenti usati in odontoiatria provenienti dalla sua Fondazione museale di Caserta, voluta in memoria del figlio Roberto, prematuramente scomparso, anche lui appassionato di Storia della Medicina, e, per la fattiva collaborazione, l’attuale Conservatore Dott. Gaspare Baggieri e la Dott.ssa Eleonora Chinappi.

Il Prof. Vigliani nella sua relazione, arricchita da numerose diapositive di riferimento a Testi e Strumenti che hanno fatto la Storia della medicina, si è più volte soffermato sul contributo del progresso della scienza in altri settori, tra i quali preminentemente quello della comunicazione ed ha concluso con  un preciso richiamo al più recente mezzo di informazione rappresentato da internet che, però,  “unisce alla rapidità del comunicare la necessità di porre attenzione alla precisione e qualità delle informazioni diffuse, particolarmente per la delicatezza degli argomenti trattati che riguardano il più prezioso dei beni per ogni persona: quello della salute.”

Il Vice Presidente, Dr. Mario Bernardini, medico e giornalista presidente dell’Associazione Stampa Medica Italiana (ASMI-FNSI), è intervenuto auspicando che l’Accademia possa essere “occasione per incontri e confronti sulle  prospettive di una ‘assistenza sanitaria della persona’ che, traendo dall’esperienza del passato e dalle realtà del rapido progresso attuale per ogni scienza e della tecnologia, siano occasione di una comunicazione sanitaria, particolarmente di quella medico scientifica, che possa  consentire alla società, in ogni sua componente, di trarre esempio e fiducia per un  progresso delle possibilità di  tutela per la salute offerte ad ogni suo componente senza distinzioni diverse dall’appartenere all’unica e irripetibile specie umana.”

Il Prof. Iacovelli ha concluso i lavori del Convegno confermando la volontà sua e del corpo accademico di perseguire l’obiettivo di recuperare all’Accademia il ruolo istitutivo di essere ‘punto di riferimento’ per tramandare il ricordo del percorso dell’evoluzione della scienza medica “a disposizione delle Università e Istituzioni e di quanti desiderino contribuire ad arricchire il patrimonio storico culturale ed artistico del settore della salute”.

Vittorio Esposito

   

Accademia di Storia dell'Arte Sanitaria - Via Sassia 3, 00193 - Roma | Tel.: 06.6893051 | Fax.: 06.6833485
e-mail: segreteria@asas-accademia.it